Programma NGF

NGF Program (sml)Gli studi pionieristici di Rita Levi-Montalcini hanno portato alla scoperta, caratterizzazione e purificazione del fattore di crescita nervoso (Nerve Growth Factor, NGF), una proteina essenziale per lo sviluppo e la sopravvivenza di cellule nervose.

Questa scoperta, che ha valso a Rita Levi Montalcini il premio Nobel per la Medicina, ha aperto la strada alla identificazione di una larga classe di proteine coinvolte nella sopravvivenza, sviluppo e differenziamento selettivo di specifiche popolazioni cellulari, i cosiddetti fattori di crescita. In particolare, l´NGF fa parte di una famiglia di fattori neurotrofici, le neurotrofine, che sono coinvolte non soltanto durante lo sviluppo del sistema nervoso, ma anche in molteplici aspetti fondamentali della fisiologia del sistema nervoso adulto.

Grazie alla scoperta e all´attività di Rita Levi Montalcini, NGF rappresenta la più riconoscibile carta di identità dell´EBRI.

Una larga parte delle ricerche presso EBRI sono dedicate allo studio della biologia del NGF per dare continuità temporale al patrimonio di conoscenze e di capitale umano che si è venuto a creare intorno a queste tematiche. Su iniziativa di Rita Levi-Montalcini, EBRI si propone di coordinare e catalizzare i vari aspetti di ricerca fondamentale sul NGF e i suoi recettori e di dare impulso all´avanzamento delle conoscenze in questo settore, nell´ottica di una rapida applicabilità clinica delle stesse.

L´NGF si presta infatti a molteplici applicazioni, le sue potenzialità terapeutiche sono note fin dai primi anni 80 e la sua efficacia è stata dimostrata in numerosi studi clinici pilota.

Per la malattia di Alzheimer, patologia neurodegenerativa per la quale esistono oggi solo trattamenti sintomatici, il razionale per l´uso terapeutico del NGF e´ basato sul fatto che le cellule neuronali colinergiche, che degenerano in questa patologia, sono cellule bersaglio del NGF.

Ma l´azione del NGF si estende anche al di fuori del sistema nervoso e ciò la rende una molecola che esercita un ruolo chiave nelle complesse interazioni tra sistema nervoso, endocrino e immunitario Sono oggi descritte numerose situazioni patologiche nelle quali un potenziamento dell´azione del NGF costituirebbe un approccio terapeutico di estremo interesse e queste includono, oltre alle malattie del sistema nervoso centrale, quali Alzheimer e sclerosi multipla, anche patologie oftalmiche, come ulcere corneali e glaucoma, e patologie cutanee quali le ulcere da decubito dell´anziano.

EBRI intende svolgere un ruolo chiave intorno alle tematiche legate al NGF attraverso un nuovo modo di produzione delle conoscenze, in un contesto applicativo, transdisciplinare ed in una dimensione orizzontale, che vede il coinvolgimento progressivo di attori diversi, quali gruppi clinici italiani attivi in questo settore, soggetti industriali e soggetti finanziatori pubblici e privati. Facendo leva su quello che costituisce un punto di forza della ricerca italiana, EBRI potrà alimentare una filiera integrata scientifica e tecnologica e diventare un punto di riferimento internazionale per le ricerche in questo settore, in grado di valorizzare opportunità terapeutiche di grande interesse come lo sviluppo di farmaci basati sul NGF.